If you’re searching for ability web page to get an essay from then you really are inside a precise destination, Should you be looking We publish prime quality essays via the internet and supply them by the due date custom writing .

Daily, high school students throughout the country and around the world could depend on our elite group of article writing industry professionals forreliable and safe, and successful personalized penning techniques to their hardest essay troubles help with writing a paper

If you find the money for essays aide, you can rely on in your competence to supply a top-notch-standard essay. With several years of journey, our authority freelance writers create pertinent records guaranteed to earn your professor’s compliments. Speak to us currently and generate your own report of succes college essay help

buy college essays onlineUna lavastoviglie salva la vita? Forse non è il caso di esagerare, ma senza dubbio questo elettrodomestico ti aiuta, e parecchio, nella gestione della casa. Dopo una cena tra amici, un pranzo in famiglia o semplicemente dopo la colazione in coppia: vedere piatti, bicchieri, posate sporche e pensare di lavarle una alla volta a mano. L’unica parola che viene è in mente è spreco. Di acqua, di energia, di tempo. La lavastoviglie consente infatti di risparmiare tempo prezioso e soprattutto di sprecare meno acqua rispetto a quella che servirebbe per lavare a mano. Molti studi hanno infatti dimostrato che la quantità di acqua utilizzata nei lavaggi a mano supera di gran lunga quella usata dalle lavapiatti.

Oggi sul mercato l’assortimento di questo elettrodomestico è notevole. Dalle lavastoviglie ad incasso a quelle slim, fino a quelle portatili. Le marche rispondono alle sempre crescenti esigenze e richieste, presentando prodotti con sistemi di lavaggio e prestazioni all’avanguardia. Un’attenzione crescente ai diversi tipi di stoviglie, dai delicati cristalli alle pentole realizzate con moderni materiali.

Ma quali funzionalità deve avere una lavastoviglie? Quali caratteristiche garantiscono un risparmio energetico? Quali sono i migliori modelli? Vediamo insieme di rispondere a queste domande.

Come scegliere una lavastoviglie

Quando si parla di elettrodomestici, lavatrice e lavastoviglie sono forse i primi termini che ti vengono in mente. Si tratta infatti di due prodotti che aiutano, e non poco, la gestione della casa, permettendo il risparmio di tempo, fatica e denaro. Grazie alle ultime tecnologie inoltre, gli elettrodomestici garantiscono un consistente risparmio energetico riducendo l’impatto sull’ambiente. Senza contare che meno acqua si spreca, meglio è: con il lavaggio a mano purtroppo vengono utilizzati tantissimi litri d’acqua provocando danni ambientali notevoli.

L’acqua è infatti una risorsa preziosa: evitare il lavaggio di stoviglie a mano, optando per la lavastoviglie, consente di ridurre in maniera consistente lo spreco d’acqua.

Come scegliere la lavastoviglie più adatta a te?  Innanzitutto devi effettuare una valutazione preliminare che tenga  conto di:

  • spazio e misure;
  • dimensioni e numero di persone;
  • stile e funzionalità;
  • prestazioni e potenza energetica.

Molte volte le lavastoviglie vengono vendute insieme all’intera cucina con mobili, antine, fornelli, forno e frigorifero. Se invece vuoi scegliere il prodotto in maniera separata, dovrai capire dove posizionare l’elettrodomestico e prendere alcune misure (larghezza, altezza e profondità).

In secondo luogo dovrai pensare al carico massimo della lavastoviglie. Quante persone ci sono in casa? Darai spesso feste con tanti ospiti? Se acquisti una lavastoviglie con bassa capacità, potresti ritrovarti a fare più carichi di piatti e bicchieri per cercare di lavare tutte le stoviglie.

Per quanto riguarda lo stile, fortunatamente l’assortimento è molto ampio: da quelle satinate al modello metallizzato, fino alle possibilità di colore.

Ultimo ma non meno importante punto è rappresentato dalle prestazioni. La classe energetica e i consumi sono fondamentali non solo per il risparmio di energia (e quindi bollette meno care) ma anche per un minore impatto sull’ambiente.

Dimensioni e standard

Quali dimensioni scegliere per la lavastoviglie? Come ti abbiamo ricordato, sul mercato esistono tantissimi modelli adatti alle più svariate esigenze. In particolare le dimensioni rispondono a delle esigenze pratiche ed estetiche collegate al tipo di casa o appartamento.

In particolare esistono modelli da incasso o a libera installazione. Le lavastoviglie da incasso sono predisposte per l’installazione all’interno di cucine o tra mobili. Forme, dimensioni e attacchi vengono quindi realizzati appositamente per rendere semplice l’installazione e soprattutto la manutenzione. Solitamente la parte anteriore di questo tipo di modello può essere coperta con una parete simile al rivestimento della cucina.

I modelli a libera installazione invece pongono molta importanza al rivestimento dell’intero elettrodomestico, in quanto possono essere posizionati non tra due mobili ma in bella vista nella cucina.

Per quanto riguarda le dimensioni, esistono i modelli “slim” larghi solamente 45 cm, mentre le dimensioni standard arrivano ad una larghezza di 60 cm o superiore. Per quanto riguarda l’altezza invece, gli stessi modelli possono avere misure diverse in altezza per adattarsi ai vari tipi di cucine e piani di lavoro.

Per esigenze particolari sono disponibili inoltre lavastoviglie doppie che consentono di lavare un’alta quantità di piatti, pentole e bicchieri. I modelli portatili invece sono ideali per campeggi, camper, grigliate e feste all’aperto. Sono caratterizzati da dimensioni ridotte e quindi da una bassa capacità di carico.

Le lavastoviglie moderne

Da quando furono introdotte sul mercato, le lavastoviglie hanno migliorato costantemente le loro prestazioni. Oggi gli elettrodomestici di ultima generazione possiedono alcune caratteristiche irrinunciabili come:

  • maggiore capacità;
  • razionalizzazione degli spazi (scompartimenti modulabili);
  • risparmio energetico;
  • potenza del getto d’acqua;
  • presenza di vari programmi e funzionalità.

L’ultimo punto in particolare è strettamente collegato al risparmio energetico: a seconda di quanto e come si carica la lavastoviglie, potrai sfruttare al massimo il dispositivo risparmiando energia.

La razionalizzazione degli spazi consente inoltre di caricare le lavastoviglie moderne a seconda delle diverse esigenze e del tipo di stoviglie. Grazie alla presenza di scompartimenti e accessori flessibili, i prodotti moderni ospitano pentole e coperchi ingombranti, ma anche delicati calici e accessori per la cucina. I modelli più evoluti, ad esempio, possiedono appositi accessori che bloccano i calici dei bicchieri più delicati. In questo modo le stoviglie eviteranno movimenti e non si sposteranno durante i getti d’acqua del lavaggio. Vengono quindi ridotte le possibilità di crepe e scalfiture.

Quanto risparmi con la lavastoviglie rispetto al lavaggio a mano?

Una questione annosa che sembra non avere fine: si spreca più acqua con il lavaggio a mano o con quello in lavastoviglie? Per molto si è pensato che il lavare posate, piatti e bicchieri a mano contribuisse al risparmio economico e al minor spreco d’acqua, ma non è così. A meno che le stoviglie non siano davvero poche, anche i migliori accorgimenti del lavaggio in lavandino non supereranno la prova della lavastoviglie.

Secondo una ricerca dell’Università di Bonn infatti per lavare le stoviglie di una cena per 12 persone servono circa 100 litri d’acqua per il lavaggio a mano. Una lavastoviglie moderna invece utilizza solamente 15 litri d’acqua.

Per consentire il risparmio, devi però seguire alcune piccole accortezze: una su tutte è l’utilizzo della lavastoviglie solamente quando è a pieno carico.

Accanto al risparmio sull’acqua utilizzata, vi è inoltre il risparmio energetico grazie ai modelli di ultima generazione (attenzione particolare per i modelli di classe A++ e A+++). Da non sottovalutare infine l’impatto ambientale: un minore utilizzo di acqua segue infatti la strada delle buone pratiche ecosostenibili.

Quali funzionalità devono avere?

Per consentire un utilizzo corretto della lavastoviglie, occorre che l’elettrodomestico possieda alcune funzionalità.

Innanzitutto il prodotto deve consentire la scelta tra diversi programmi di lavaggio. A seconda  dello sporco e della quantità di stoviglie al suo interno, puoi infatti scegliere tra programmi che assicurano la massima pulizia in determinate circostanze. Solitamente infatti se le stoviglie sono particolarmente sporche (pensa ad esempio alle pentole), un lavaggio ad alta temperatura è la soluzione. Viceversa, se vuoi risparmiare energia e le stoviglie hanno uno sporco leggero, puoi scegliere un programma ecologico che utilizzerà basse temperature.

Importante anche la presenza del prelavaggio, per caricare più volte la lavastoviglie ma con un unico ciclo di lavaggio.

Per una maggiore sicurezza, valuta inoltre l’acquisto di modelli con sistema “aqua stop” o similari. Questa funzionalità riconosce infatti la presenza di guasti alla rete idrica e interrompe immediatamente l’erogazione di acqua, evitando allagamenti o altri malfunzionamenti.

Non possono mancare inoltre gli indicatori luminosi o un display che ti informi dello stato della lavastoviglie: dalla mancanza si sale a quella del brillantante, fino alla necessità di pulizia del filtro o manutenzione dei sistemi di lavaggio. Alcuni modelli possiedono filtri autopulenti che garantiscono una vita più lunga all’elettrodomestico, che deve comunque essere costantemente monitorato nel tempo.

Infine gli elettrodomestici di ultime generazione consentono di regolare la temperatura e l’asciugatura. Considera infatti che puoi evitare l’asciugatura aprendo lo sportello della macchina: in questo modo risparmi energia elettrica salvaguardando l’ambiente, con benefici sulla tua bolletta.

Sistemi di lavaggio

Ma come funziona la lavastoviglie? Innanzitutto l’elettrodomestico viene collegato alla tua rete idrica, in modo da prelevare l’acqua necessaria al lavaggio. Una volta avviata, la macchina lavapiatti preleva l’acqua e la deposita sulla vasca di fondo dove viene riscaldata tramite una resistenza. Nelle lavastoviglie moderne è però possibile collegarsi direttamente all’acqua calda, con un notevole risparmio di energia, consumi e quindi vantaggio economico.

Successivamente l’acqua viene gettata sulle stoviglie attraverso vari ugelli posizionati nell’incasso. In un secondo step viene aperta la vaschetta del detersivo tramite cui posate e bicchieri vengono lavati. In questo momento viene liberato anche il sale, fondamentale per prevenire le incrostazioni. Una volta terminato il lavaggio, entra in scena il risciacquo con brillantante, se previsto ed infine l’asciugatura. Come ti abbiamo ricordato, l’asciugatura aumenta i costi e l’energia. Puoi provvedere ad aprire lo sportello in modo che le stoviglie asciughino all’aria aperta.

L’acqua in eccesso viene smaltita attraverso le tubature e liberata nel sistema fognario.

I modelli funzionano attraverso diversi sistemi di lavaggio. I più diffusi sono:

  • lavaggio orbitale: presenza di due ugelli in due diverse posizioni che ruotano contemporaneamente lanciando i getti d’acqua;
  • lavaggio alternato: i getti d’acqua dell’ugello vengono indirizzati, in maniera alternata, alla parte inferiore e superiore;
  • lavaggio traslante: sistema di ugelli e getti d’acqua che lanciano l’acqua nei vari scompartimenti dell’elettrodomestico;
  • lavaggio ad impulsi: tipico delle lavastoviglie di ultima generazione, questo tipo di lavaggio individua la quantità di sporco sulle stoviglie e regola i getti d’acqua in modo da pulire proporzionalmente tutte le stoviglie.

Programmi di lavaggio

Di particolare importanza le impostazioni relative ai programmi di lavaggio. La lavastoviglie può infatti effettuare diversi tipi di pulizia di piatti e bicchieri, che solitamente variano in base a:

  • quantità di stoviglie;
  • tipo di sporco;
  • durezza dell’acqua;
  • presenza di asciugatura o meno.

In base ai diversi modelli, la lavastoviglie può avere vari programmi di lavaggio che differiscono in durata, temperatura, utilizzo di getti d’acqua e detersivo. Nella maggior parte delle macchine sono presenti i programmi “intensivo”, “eco” e “veloce”. Per quanto riguarda quello intensivo, è adatto allo sporco ostinato che caratterizza ad esempio pentole e teglie utilizzate per carne e pasta. Di solito utilizza temperature alte, getti potenti e ha una durata superiore alla media. Il lavaggio ecologico al contrario pulisce cercando di sprecare meno energia e acqua possibile. Le temperature sono quindi basse e diminuisce anche la durata dell’intero ciclo. Proprio per avere un minore impatto ambientale, nel ciclo di lavaggio ecologico non c’è asciugatura: questo permette di risparmiare circa il 35-40% di energia.

Per quanto riguarda la durata, è inoltre possibile optare per il lavaggio veloce, ideale quando la lavastoviglie ha un carico leggero e poco sporco.

Da non sottovalutare inoltre anche il prelavaggio, ideale per stoviglie sporche da accumulare durante la giornata per poi sfruttare il lavaggio completo con la macchina a pieno carico.

Le lavastoviglie di ultima generazione prevedono inoltre programmi di lavaggio articolati e specifici per i vari utilizzi. Da quello dedicato a posate e bicchieri delicati a quello super veloce per i bicchieri da cocktail.

Nei modelli più evoluti, è possibile inoltre scegliere lavaggi ideali quando la lavastoviglie non è pieno a carico. A seconda della quantità dei getti, è inoltre possibile azionare solamente quelli relativi ai cestelli pieni.

Come per tutti gli elettrodomestici, occorre inoltre effettuare alcuni “test” per verificare la durezza dell’acqua. La lavastoviglie utilizza l’acqua direttamente dalla rete idrica: in base al tipo di acqua i vari programmi potranno quindi essere più o meno efficienti.

Rumorosità

La lavastoviglie è rumorosa? Uno degli aspetti fondamentali da considerare, prima di acquistare un elettrodomestico, è proprio quello relativo al rumore. Molte volte infatti si tende a sottovalutare questa caratteristica che è invece di estrema importanza. La lavastoviglie aziona diversi meccanismi che possono emettere rumori più o meno forti.

Va chiarito comunque che i modelli di ultima generazione sono estremamente silenziosi. Se vuoi posizionare una lavastoviglie nell’appartamento di un condominio, ti consigliamo però di leggere con attenzione i particolari legati alle emissioni acustiche dell’elettrodomestico.

La potenza sonora della lavastoviglie è indicata sull’etichetta energetica, sempre in bella vista e obbligatoria per legge. Su questa etichetta vengono indicati inoltre i consumi e la classe di efficienza energetica.

La potenza sonora è indicata di dBA, ovvero decibel: più il valore è alto, più la lavastoviglie è rumorosa.

Attenzione però: i diversi gradi silenziosità possono variare in base ai programmi utilizzati e alle varie regolazioni. Da considerare inoltre il carico dell’elettrodomestico: a volte infatti può succedere che pentole o bicchieri aumentino il rumore dei cicli di lavaggio.

Prestazioni e risparmio energetico

Sull’etichetta energetica della lavastoviglie, che deve essere presente per legge su ogni elettrodomestico venduto, non viene indicato solo il grado di rumorosità ma anche consumi e classe energetica.

Le prestazioni della lavastoviglie sono infatti un argomento delicato e posso incidere, in maniera pesante, sull’importo della bolletta. Prestazioni vanno però di pari in passo al consumo e quindi al risparmio energetico.

Se sei attento ai consumi, ti consigliamo di optare per elettrodomestici di classe energetica A+ o A++. Queste indicazioni infatti non valgono solamente per la lavapiatti, ma anche per lavatrici, forni, condizionatori. I prodotti con classe energetica alta sono di norma più costosi, ma molte volte l’investimento iniziale viene ripagato sul risparmio in bolletta.

Senza contare che minori consumi equivalgono ad un minore utilizzo di energia elettrica e quindi alla salvaguardia dell’ambiente. Una piccola dritta: come abbiamo già avuto modo di consigliarti, per non far alzare troppo i consumi è meglio scegliere quando possibile cicli di lavaggio brevi, con basse temperature e senza asciugatura.

Ti abbiamo già fatto notare che il lavaggio con lavastoviglie permette di risparmiare una quantità d’acqua notevole. La macchina utilizza infatti molta meno acqua di quella che servirebbe per lavare piatti e bicchieri a mano. Che cosa fare però con l’acqua calda? Per un minore impatto ambientale, le basse temperature sono preferibili, ma quando non si riesce a farne a meno, occorre valutare modelli di lavastoviglie evoluti. Molti modelli infatti riempiono la vasca di lavaggio con acqua e poi la scaldano attraverso resistenze, aumentando quindi il consumo di energia. Per evitare questo procedimento, scegli una lavastoviglie in grado di prendere direttamente l’acqua calda dalla rete idrica. In questo modo potrai ridurre di quasi la metà i tuoi consumi elettrici.

Le migliori 5 lavastoviglie secondo le opinioni

Dopo aver analizzato le caratteristiche e peculiarità delle lavastoviglie, è giunto il momento di addentrarci sul mercato. Se hai intenzione di comprare una lavapiatti, ma non sai da dove iniziare, ti consigliamo di visionare i modelli che, a nostro avviso, sono i migliori in circolazione. Dopo aver letto attentamente, non dimenticarti di valutare esigenze e necessità personali come spazio,  budget e capacità di coperti che la tua lavapiatti dovrebbe avere. Ne abbiamo selezionati diverse, da quelle a incasso ai modelli portatili: ognuna ideale per diverse esigenze.

Lavastoviglie Bosch SMS69N78EU

La lavastoviglie da incasso Bosch SMS69N78EU ha una classe energetica alta e un basso range di consumi. Si tratta di un modello dalle dimensioni standard che, a fronte di un investimento iniziale, permette di risparmiare notevolmente sui consumi. Le caratteristiche tecniche:

  • dimensioni: 84,5 x 60 x 60 cm;
  • peso: 54 kg;
  • classe energetica: A+++;
  • consumo energetico: 0,83 kWh;
  • livello sonoro: 42 db
  • coperti: 14.

Per ospitare un totale di 14 coperti, la lavastoviglie Bosch possiede alcune interessanti dotazioni interne come un terzo cestello e un dispositivo Up&Down su 3 livelli. Inoltre è dotato di sistema di dosaggio “ecologico” del detersivo e di un sistema di filtri autopulenti che garantiscono una buona e corretta manutenzione del tempo. Per le stoviglie più delicate inoltre, è previsto uno speciale sistema di protezione dei cristalli.

La classe energetica A+++ garantisce consumi molto bassi, ma fa lievitare il prezzo d’acquisto. Trattandosi però della classe più alta, l’investimento si traduce in prestazioni efficienti con consumi ridotti e risparmio in bolletta.

I programmi di lavaggio della lavastoviglie Bosch sono 6: auto, eco, glass, intestivo, prelavaggio e rapido.

Accanto alle funzionalità tipiche di ogni lavapiatti, questo modello possiede alcune caratteristiche notevoli, tra cui:

  • opzione “Purezza Attiva Plus”: massima igiene grazie ad una pulizia antibatterica con lavaggi a 70° per circa 10 minuti durante i programmi;
  • asciugatura con flusso 3D: grazie ad un esclusivo sistema l’umidità viene catturata e trasformata in aria calda;
  • silenziosità garantita: il programma Silence riduce automaticamente la rumorosità della lavastoviglie;
  • sicurezza garantita con il blocco dello sportello durante il lavaggio (blocca l’apertura involontaria dello sportello).

Il sistema “AquaStop” inoltre percepisce le perdite di acqua all’interno della lavastoviglie e blocca l’erogazione.

Lavastoviglie Whirpool WFC 3B+26 X

Per quanto riguarda le lavastoviglie a libera installazione, il modello Whirlpool WFC 3B+26 X è elegante, capiente e con diverse funzionalità tra cui un grande risparmio energetico.

Le caratteristiche tecniche:

  • dimensioni: 85 x 60 x 67 cm;
  • peso: 47 kg;
  • classe energetica: A++;
  • consumo energetico annuale: 265 kWh;
  • livello sonoro: 46 db;
  • coperti: 14.

Essendo una lavastoviglie a libera installazione, il modello Whirlpool è rivestito in elegante acciaio inox e può quindi essere posizionato in qualsiasi punto della casa e della cucina.

Tra le funzioni più apprezzate c’è senza dubbio la possibilità di programmare l’orario di inizio del ciclo di lavaggio. Una volta caricata la lavastoviglie si potrà quindi optare per un utilizzo nelle ore migliori della giornata, se ad esempio si utilizza una tariffa elettrica bi-oraria.

Whirpool propone inoltre un programma antibatterico che garantisce una massima igiene, eliminando la quasi totalità dei batteri senza l’utilizzo di specifici detergenti aggiuntivi. Per consentire un uso personalizzato in base alle diverse stoviglie da lavare, il cestello superiore è regolabile in modo da creare o diminuire lo spazio inferiore. Pensa ad esempio al caso in cui debba riporre pentole di grandi dimensioni.

Il risparmio energetico è inoltre facilitato dall’opzione “mezzocarico distribuito”. Nonostante sia sempre consigliabile azionare la lavastoviglie solamente quando è a pieno carico, alcune volte non è possibile. Il programma “mezzocarico” aziona contemporaneamente i getti su entrambi i cestelli, risparmiando acqua ed energia elettrica. Anche la lavastoviglie Whirlpool inoltre è dotata di un sistema di sicurezza “Waterstop” che protegge l’elettrodomestico da eventuali allagamento e fuoriuscita di acqua.

Lavastoviglie Miele G 6820 SC

Rimanendo nel settore delle lavastoviglie a libera installazione, il modello Miele G 6820 SC è senza dubbio un elettrodomestico di fascia alta con funzionalità ottime in grado di consentire un deciso risparmio non solo sulla bolletta ma anche su tempo e fatica.

Le caratteristiche tecniche:

  • dimensioni: 84 x 60 x 60 cm;
  • peso: 56 kg;
  • classe energetica: A+++;
  • consumo energetico annuale: 189 kWh;
  • livello sonoro: 43 db;
  • coperti: 14.

Uno dei punti di forza principali della lavastoviglie miele è il consistente risparmio energetico del suo utilizzo. Questo è garantito non solo dalla classe energetica A+++, ma anche dall’accumulatore di calore “EcoTech” che garantisce un risparmio di energia del 20% rispetto ai normali dispositivi della medesima classe.

La praticità di utilizzo è un secondo punto di forza della lavastoviglie Miele. All’interno del vano sono infatti presenti quattro luci LED che illuminano in maniera completa. Il contenitore del sale, spesso posizionato in scomodi anfratti, può essere riempito anche con lo sportello semi-aperto. I cestelli sono inoltre rimovibili e regolabili per personalizzare l’utilizzo in base al tipo di stoviglia.

Sono 13 in totale i programmi di lavaggio tra cui è possibile scegliere. Da quello breve che dimezza la durata del ciclo fino a quello delicato ideale per bicchieri e cristalli. Per la pulizia di biberon e taglieri, la lavastoviglie Miele propone il lavaggio “Igiene” in grado di sterilizzare a fondo. Il programma “SolarSave” consente inoltre un ridotto consumo di energia che arriva a 0,06 kWh.

Ultimo ma non meno importante punto di forza è la connettività dell’elettrodomestico. Grazie alla funzione MobileControl, è infatti possibile utilizzare la lavastoviglie a distanza. In particolare potrai scegliere, avviare e spegnere i cicli di lavaggio con l’apposita app scaricata su smartphone e tablet.

Lavastoviglie Klarstein Amazonia 6

Come ti abbiamo ricordato, esistono tanti tipi di lavastoviglie: oltre a quelle standard da incasso o libera installazione, puoi trovare anche lavastoviglie da tavolo. Ideali per essere trasportate in vari ambienti. Solitamente sono di piccole dimensioni e con una capacità di coperti ridotta. È il caso della lavastoviglie Klarstein Amazonia 6, un modello compatto in grado di essere posizionato ovunque senza rinunciare a praticità e risparmio energetico.

Le caratteristiche tecniche:

  • dimensioni: 55 x 43 x 50 cm;
  • peso: 21 kg;
  • classe energetica: A+;
  • consumo energetico annuale: 174 kWh;
  • livello sonoro: 49 db;
  • coperti: 6.

Il punto di forza della lavastoviglie Kleinstein Amazonia 6 è la sua compattezza e facilità di trasporto. La struttura è infatti autoportante, ma è predisposta anche per l’eventuale montaggio all’interno di vani cucina. Grazie alla portata di 6 coperti, è ideale per viaggi o circostanze che richiedono lavaggi veloci per poche persone.

Le piccole dimensioni non devono spaventare: l’elettrodomestico possiede infatti le tradizionali caratteristiche di una lavastoviglie standard. Sono infatti inclusi il cestello per le posate e la scelta tra sei diversi programmi di lavaggio: intensivo, normale, ecologico, rapido, 90 minuti e delicato specifico per il vetro.

La classe energetica A+ garantisce comunque un buon risparmio in bolletta, mentre per quanto riguarda l’emissione di rumori, la macchina non supera i 49 decibel. La lavastoviglie può essere comodamente gestita dal display a LED che mostra lavaggi, funzioni e comunicazioni.

La sicurezza è infine garantita dalla presenza del sistema “aquastop” che interrompe l’emissione di acqua in caso di guasti alla rete idrica.

Lavastoviglie ElectroLux ESF7636ROX

Concludiamo la nostra carrellata delle migliori lavastoviglie sul mercato con il modello ElectroLux ESF7636ROX.

Si tratta di una lavastoviglie a libera installazione con funzionalità avanzate che garantiscono sicurezza e pulizia accurata delle stoviglie.

Le caratteristiche tecniche:

  • dimensioni: 85 x 60 x 61 cm;
  • classe energetica: A+++;
  • consumo energetico per ciclo: 0,821 kWh;
  • livello sonoro: 44 db;
  • coperti: 13.

Si tratta di un modello dall’ottimo rapporto qualità prezzo: il rivestimento in acciaio inox consente di posizionare la lavastoviglie in bella vista.

Tra i suoi punti di forza i supporti per bicchieri “SoftGrip” che stabilizzano i calici evitando rotture o scalfiture durante il lavaggio. Sempre a proposito di delicatezza, il programma di lavaggio “Cristalli 45 gradi” consente di lavare i bicchieri delicati che risulteranno brillanti e senza aloni.

Prestazioni ottime e risparmio energetico grazie alla classe A+++. Non solo lavaggio ma anche asciugatura: la lavastoviglie Electrolux ha infatti ottenuto la classe di efficacia asciugatura A. Grazie alla tecnologia AirDry inoltre è possibile rispettare ancora di più l’ambiente. Gli ultimi 10 minuti del programma di lavaggio vengono infatti effettuati con lo sportello aperto. In questo modo il dispositivo cattura l’aria dell’ambiente e la utilizza per asciugare le stoviglie. Ennesimo punto di forza è il collegamento diretto con l’acqua calda della casa: la lavastoviglie non dovrà quindi utilizzare energia aggiuntiva per scaldare l’acqua del lavaggio.

La lavastoviglie ElectroLux consente inoltre di programmare l’orario di inizio del lavaggio: una soluzione ideale per sfruttare le tariffe bi-orarie del gestore energetico oppure per non attivare troppi elettrodomestici contemporaneamente.

Come hai potuto constatare, il mondo delle lavastoviglie è ampio e variegato. L’ampio assortimento disponibile non deve però spaventarti: per effettuare l’acquisto giusto, ti basta seguire alcuni semplici passi. Innanzitutto devi conoscere gli spazi in cui dovrai installare la lavapiatti e soprattutto valutare le tue esigenze. Non solo in termini di lavaggio, ma anche economici. Le lavastoviglie più costose, oltre alle numerose funzionalità, possiedono solitamente una classe energetica più alta che significa minori consumi. Minori consumi significano maggiore risparmio sulla bolletta elettrica. Un investimento iniziale alto potrebbe quindi essere ripagato da minori costi in bolletta nei mesi successivi all’acquisto.

Sul mercato esistono inoltre tanti modelli in grado di rispondere alle diverse esigenze. Dalle lavastoviglie ad incasso, che si montano in mezzo ai mobili della cucina, fino ai modelli portatili e da tavolo, solitamente più piccoli e con strutture autoportanti.

Tra le funzionalità da considerare infine numero e tipo dei programmi di lavaggio. Indispensabili i cicli per lo sporco ostinato (pentole) ma anche per le stoviglie delicate come bicchieri e cristalli. Per un minore impatto ambientale, considera il lavaggio ecologico che solitamente evita l’asciugatura.

Prediligi inoltre lavastoviglie dotata del sistema di sicurezza che blocca l’erogazione di acqua in caso di malfunzionamento della rete idrica. In questo caso sarai più tutelato e potrai evitare allagamenti e fastidiose perdite d’acqua.essay-online.compaper writercustom essays

You possibly can operate a great essay article writer customer service with no need of specialized essay authors. Our freelance writers work best available, and truthfully, we need to pay our success in their eyes pay to write essay .

A large number of our ecstatic individuals should not be erroneous right after they mention that custom made essay formulating are a few things we are really good at! Make an effort our online shop at this moment and grow one pay someone to write my paper .

Only at our system you can easlily buy the best great britain essay article writer for use on your homework. Enjoy a high-great quality customised posting of school records on much more than 50 matters hire writers .